Condividi su Facebook o tramite WhatsApp

"Voi farisei pulite l'esterno del bicchiere e del piatto,
ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria"

(Lc 11, 39).

 


Il problema è che l'uomo tiene più all'apparenza che all'interiorità.

Soprattutto, in un contesto sociale e culturale come quello di oggi, dove l'apparire conta più di tutto. Importante è farsi vedere.

Per Dio non è così. Di conseguenza, non può essere così per il credente. La nostra fede cristiana si fonda sull'interiorità e non sull'apparenza. Andare a Messa per farsi vedere e per stare con la coscienza apposto, non basta; ripetere che non abbiamo mai rubato e mai ucciso nessuno, non ha senso; continuare ad autogiustifcarci per nascondere i nostri peccati, non serve; sbandierare quel poco di carità che facciamo, magari disfacendoci del superfluo per noi, non risolve il problema della nostra fede; far vedere che preghiamo e continuare a fare novene e coroncine, senza interessarci dei poveri e degli ammalati, non ha valore per la nostra fede.

Più interiorità!

Più cuore al cuore!

Più spirito di silenzio!

Più spirito di riservatezza spirituale!

Più carità fraterna e silenziosa!

Il chiasso appariscente non appartiene alla logica della fede cristiana, non appartiene a Dio.

Buona giornata!

 

Roma
Martedi, 15 ottobre 2019
Facebook Parola 4.0 - Padre Onofrio Farinola Padre Onofrio Farinola Blog Parola 4.0 autografo

 

 

Condividi su Facebook o tramite WhatsApp

Attenzione: commenti permessi ai soli utenti registrati!